Come correggere un Backup corrotto su iPhone

Forse a causa della mia sfiga incontrollata, forse per colpa di innumerevoli jailbreak,
Il mio iPhone dopo l’ennesimo restore ha deciso di inziare a consumare dati 3G in modo compulsivo, e di non conteggiare i giga utilizzati dalle singole applicazioni.

Dopo infinite chiamate al servizio Apple Care, l’unica soluzione sembrava quella di formattare, perdendo tutti i dati non sincronizzati….

Gli ingredienti che ci servono per ripristinare il nostro sistema cercando di mantenere inalterate foto, sms, note e contatti sono facilmente reperibili in cucina :

  • iCloud
  • iBackupBot
  • Un vecchio Backup

La procedura è molto semplice, prima di tutto spariamo su iCloud tutto quello che riusciamo:

Impostazioni iCloud

Impostazioni iCloud

In questo modo Note, Contatti e sopratutto Foto, saranno tenute al sicuro nei server apple.

Ora, procediamo facendo il backup del nostro intero iPhone sul PC ed apriamo iBackupBot

iBackupBot -> User Information Manager

iBackupBot -> User Information Manager

Utilizzando il tasto Export  il programma permette di salvare dal nostro backup i dati che non si possono salvare via Cloud.

Ora non resta che inizializzare il nostro iPhone (cancellando tutto)  e sincronizzare la nostra nuova installazione con iTunes senza caricare alcun backup.

Le informazioni scaricate manualmente  dal vecchio Backup possono essere aggiunte alla nostra versione di iOS appena installata.

Il programma infatti ci notificherà la presenza di due istanze (uno del sistema corrotto, uno dell’ ios pulito), non resta che modificare quest’ultimo importando i dati scaricati dal ‘vecchio’

Una volta terminata l’operazione non resta che rispedire il tutto al nostro telefono mediante Restore Device avendo cura di flaggare un ripristino totale (il parziale sfortunatamente non funziona)

iBackupBot Restore

 

Una volta riavviato il nostro terminale dovrebbero comparire i dati importati, le informazioni caricate su iCloud saranno reinserite automaticamente,

 

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *